C’é proprio bisogno di colore. Imbrattarsi di polvere colorata come se non ci fosse un domani, ecco come ho trascorso il mio sabato pomeriggio. Sarei potuta andare a fare shopping, al mare (complice una splendida giornata di sole) o alle terme e invece no, ho scelto di rotolarmi in una nuvola multicolore con le mie amiche #cityrunners e ritornare così un po’ bambina. La Color Run é una corsa che prevede di partire tutti puliti in abiti candidi e di attraversare, di corsa o camminando, quattro stazioni colore, su un percorso di 5 km, e arrivare al traguardo più zozzi possibile (e orgogliosi di esserlo).

Dopo diverse tappe che hanno toccato Torino, Trieste, Marina di Pietrasanta e Rimini, la corsa più pazza del pianeta ha concluso il suo tour sbarcando a Milano. Partenza e arrivo a San Siro, proprio sul piazzale dello stadio. Quasi 20mila “affamati” di colore, tra cui anche tanti bambini, nonne, mamma e addirittura cani di diversa taglia, si sono dati appuntamento per un evento che più che una corsa podistica sembrava un rave party.

Ho preferito raccontarvi questa Color Run per immagini piuttosto che soffermarmi sulle parole per farvi capire esattamente di che follia si tratta.

PS mentre scrivo ho ancora tracce di fucsia sul corpo e un bel tatuaggio stampato sulla guancia, manco fosse vero!

Enjoy the colors!

Alla partenza
Alla partenza
Alla stazione colore giallo
Alla stazione colore giallo

 

Selfie colorato
Selfie colorato

 

All'arrivo
All’arrivo

 

Tatuaggi che non vanno più via
Tatuaggi che non vanno più via

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *