In giro di una settimana mi sono trasformata da allodola in gufetto. Dopo la Run 5.30, corsa appunto alle ore 5.30 della mattina, mi sono cimentata in una gara notturna, giusto per non farmi mancare nulla e per mandare un po’ in tilt il bioritmo.

A Milano è una sera di primavera, all’apparenza, qualunque. Sono quasi le 21.30 e nell’aria soffia un vento strano, non per quelle nuvole che minacciano l’orizzonte quanto piuttosto per il clima elettrizzante che di lì a poco avrebbe travolto le strade della città. 

Più ti avvicini a Piazza Gae Aulenti e più ti rendi conto che quello non è un tramonto qualunque. Un esercito di 7.500 donne scatenate è pronto sulla linea di partenza della “We Own The Night”, la corsa di 10 km organizzata da Nike che arriva a Milano dopo aver raccolto il testimone da Londra, la prima città che ha dato inizio alla serie di gare tutte al femminile, che poi si trasferirà a Berlino, Amsterdam e Parigi. 

Moldiv_1401826603332Il plotone delle runners (tra cui un’altissima percentuale di ‘novelle’ della corsa e qualche maschietto infiltrato con tanto di parrucca) ha le idee chiare: l’importante, più che tagliare il traguardo o fare il proprio “personal best”, è essere fashion ai massimi livelli, costi quel che costi. Trucco impeccabile e look ricercatissimo per la maggioranza e non manca chi si intrattiene sorseggiando cocktail quasi come fosse all’aperitivo nella vicina Corso Como più che in attesa dello sparo di una gara podistica.

D’obbligo le scarpe da ginnastica fluo e la t-shirt ufficiale turchese, con il baffo (di Nike) in evidenza. Chi non la indossa è guardato un po’ male, specie se ad essere “diverso” è il team #cityrunners di Adidas che veste in fucsia e che occupa la coda della start line. La gente mormora, l’agonismo sale così come si impenna il senso di appartenenza a una squadra, anche se si corre una “non competitiva”.

Parte la gara, il percorso porta le runners attraverso i punti più belli della città tra cui Piazza Duomo, l’Arena Civica, dove un inaspettato gioco di luci ha scandito il primo chilometro, lo storico Teatro alla Scala e Piazza dei Mercanti, dove un’orchestra dal vivo ha tenuto un concerto di musica classica.

C’è chi corre seriamente lottando contro il cronometro, alcune passeggiano e chiacchierano tra loro fitto fitto come fossero dal parrucchiere, altre si sparano selfie ogni 50 metri, è un momento di mondanità da immortalare che coinvolge una popolazione eterogenea accomunata da un entusiasmo adolescenziale. Milano diventa così the place to be.

All’arrivo, tra innumerevoli gesti di solidarietà, mani tese e tifo da stadio di parenti e amici, c’è chi, nonostante i 10mila metri percorsi, ha ancora la forza di indicare le magliette diversamente scarlatte e di sussurrare qualcosa all’amica di fianco: “ci sono i cityrunners!”. Bene, altro che notte conquistata, qui si tratta di aver conquistato un’identità, e anche bella forte pare! Avanti così.

IMG_31487594027340

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *