Mese: luglio 2014

Oh questi ironman! Sante le loro donne…

9788865378199-ok

Per augurarvi una buona estate ho pensato di consigliarvi uno spassosissimo libro che trovo perfetto per il il runner in vacanza. “Il mio ex faceva l’ironman” è un libricino, che si legge tutto d’un fiato, scritto da Cleto La Triplice (il suo è solo uno pseudonimo, ma con tanto di profilo su facebook) ed edito da Edizioni del Faro, da mettere in valigia, accanto alle scarpe da running per i momenti di relax tra un allenamento e l’altro.

Già dalle prime righe si capisce subito che se per essere un ironman ci vuole una dose di coraggio mica da ridere, per essere la compagna di un ironman di coraggio ce ne vuole molto ma molto di più. Dicono che l’unica donna che sopporti il triatleta sia sua madre e, in effetti, non hanno tutti i torti. Sapete cosa vuole dire stare accanto a un esaltato che subisce diete forzate peggio di una femminuccia (ops scusate, “il triatleta non mangia, si alimenta”, come dice Cleto) e allenamenti interminalbili 365 giorni all’anno? E sì perchè il triatleta se non nuota, va in bici e se non va in bici corre!

Cleto in questo volumetto racconta un pò delle sue esperienze personali, farcite di divertentissimi dettagli che riguardano lui e la sua cricca di folli come lui, ma soprattutto delle cosìdette “torture” a cui è sottoposta la santa donna che gli sta accanto. Un runner o un triatleta non può non leggerlo, si ritroverà in ogni pagina scritta e riderà, riderà tanto.

Ho fatto due chiacchiere con Cleto e confermo: i triatleti totalmente normali non sono!

 

– Chi è Cleto La Triplice? Vogliamo immaginarti in carne ed ossa, disegna un identikit di te

Chi ha già riso con leggendo il libricino ha già visto anche Cleto in carne ed ossa nelle gloriose foto finali. Per chi non l’avesse ancora fatto, rimedi in fretta…risate assicurate!

– Ammettilo, gli Ironman sono degli “invasati” e le loro compagne delle “sante”. Come è la vita di coppia con un uomo d’acciao?

Tutto si incentra su questo concetto, nessuna ragazza può reggere certe tabelle di allenamento e nessuna lavatrice certi cicli di lavaggio (gli indumenti di allenamento e gara di un triatleta vanno trattati con cura, più del cachemire! Ndr)…alla fine lei lo lascia …..finalmente libero di allenarsi!

– Indicaci una classifica delle peggiori tre cose che deve sopportare la compagna di un ironman…

Un ego smisurato del proprio uomo…che purtroppo però non è un olimpionico, ma un goffo atleta in piena crisi di mezz’età! Nessun weekend può essere dedicato a nulla che non sia allenamento. Non e’ poi divertente quando la Coca Zero il cameriere la serve a te ma è per lui, e le verdure bollite pure!

– Ci saranno però anche degli aspetti piacevoli…

Qui vado in crisi…bisogna pensarci bene….non ce ne sono tanti….accanto a te hai un fisico scultoreo ma è depilato con un’abbronzatura orrenda a metà braccio e gamba…e comunque troppo sellino non fa bene alla coppia!

– Ci racconti la tua giornata tipo?

Cleto è un triatleta redento…ormai salvo. Io mi alleno quasi tutti i giorni, ma non mi privo più delle gioie della vita e della tavola. Sono più lento dei miei compari invasati, ma sicuramente più felice (e anche la mia donna!)

– Cleto ha un modello a cui si ispira? Cioè ti piacerebbe essere…

Quello che sono. Uno dei miei desideri più grandi è riuscire a fare questo meraviglioso sport fino alla vecchiaia. Sarebbe il regalo più bello.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

#cityrunners ad alta quota. Alpe di Siusi, due passi in paradiso con i keniani

 

L'altipiano
L’altipiano

 

Ecco, correre tre metri sotto il cielo ancora mi mancava eppure Adidas, meglio di una Lampada di Aladino, è riuscita ad avverare anche questo.

Noi #cityrunners, si sa, siamo abituati a correre in città, come sottolinea tra l’altro anche il nostro nome, dove tutto è monotonamente piatto, quindi quando ci è stato proposto di partecipare alla Mezza dell’Alpe di Siusi l’entusiasmo e la curiosità si sono subito impennati. Correre a 2mila metri? La risposta è stata immediata: sì, lo voglio!

E subito ho cercato qualche dettaglio in più: si tratta di una gara, sponsorizzata da Adidas, di 21.097 metri con 600 metri di dislivello, riservata a soli 500 partecipanti, che si svolge, da due edizioni, sull’altipiano più grande d’Europa (ampio ben 60 km2), l’Alpe di Siusi, una sorta di porta che si apre sulle Dolomiti.

Molto convinte dai paesaggi mozzafiato che Google image ci ha anticipato e forse un po’ troppo ignare che si trattasse di una gara definita “abbastanza tosta” dagli addetti ai lavori, io e Giulia, l’altra #cityrunners coinvolta con me in questa avventura, ci siamo dirette alla conquista dell’Alpe.

Siamo partite in auto sabato mattina dal campo XXV aprile in compagnia niente di meno che di Danilo Goffi, nostro complice e angelo custode per tutto il week end, ma soprattutto campione italiano in carica di maratona che alla Mezza dell’Alpe di Siusi avrebbe gareggiato per allenarsi in vista dei suoi futuri impegni agonistici. Dopo uno spassosissimo viaggio, che mi ha ricordato le gite delle medie a suon di chiacchiericcio e patatine, siamo arrivati a Compaccio, piccolo insediamento e punto di partenza della maggior parte dei sentieri escursionistici dell’Alpe. Ad aspettarci una meravigliosa stanza del Seiser Alm Urthaler, hotel costruito interamente in legno secondo le regole della bio-architettura. Lì abbiamo conosciuto il nostro secondo angelo custode Pietro, del marketing di Adidas, che con la guida di Daniela del Consorzio Turistico ci ha accompagnati per un piccolo giro nel comprensorio del Bullaccia con tanto di viaggio in cabinovia.

E così ho scoperto che l’Alpe di Siusi è un vero e proprio paradiso per i podisti tanto che offre un running park che comprende 20 tracciati, 11 punti di partenza, per un totale di 180 km che si snodano ad un’altitudine tra i 900 e i 2.300 metri. Ecco perchè l’Alpe di Siusi viene scelta da molti campioni per i loro allenamenti in altura, tra questi anche da molti team di keniani.

Quest’anno era presente all’Alpe, per un training di due settimane, la squadra di keniani di coach Gianni De Madonna formata da Caroline Jepchirchir Chepkwony, seconda alla Vienna City Marathon, Mercy Jerotich Kibarus, Titus Kwemoi Masai, classe 1989, con un personal best sotto l’ora alla Mezza Maratona di Ras Al Khaimah nel 2010, Patrick Kipyegon Terer, vincitore quest’anno nella Maratona di Praga, e Lawi Kiptui.

E proprio con i keniani, il loro coach e Danilo abbiamo improvvisato un mini (e chiamiamolo “mini”) allenamento pomeridiano di 40’. Inutile dire che sono riuscita a seguirli, nonostante per la loro andatura andassero pianissimo, per nemmeno 10 minuti, poi ho deciso di deviare preferendo una doccia rigenerante pre-cena pittosto che stramazzare sul cucuzzolo della montagna inseguendo l’inseguibile.

Pronti per l'allenamento
Pronti per l’allenamento
Foto storica: io davanti alle keniane?????
Foto storica: io davanti alle keniane????

Durante la cena, dato che erano seduti proprio al nostro stesso tavolo, ho avuto modo di analizzare da vicino questi campioni che vivono e si allenano a Iten, su un altipiano del Kenya. Ho scoperto che amano le barbabietole, che mangiano tante carote, patate, insalata, pollo e pesce e che accompagnano il tutto con una tazza di latte caldo zuccherato. Sono ghiotti di frutta, in particolare di banane (“ndizi” in lingua Swahili) e di kiwi. Ma la loro bevanda preferita è il Chai Tea: acqua, zucchero, latte e thè. Dormono in media dalle 21 alle 8, e corrono due volte al giorno. La domenica si allenano solo una volta perchè vanno in chiesa e un altro giorno recuperano allenandosi tre volte, per un totale di circa 150 km a settimana. Dopo una lunga session fotografica ricca di selfie con i keniani la serata si è conclusa in albergo a vedere la partita di calcio Olanda-Costa Rica davanti a birra e noccioline per scongiurare l’ansia pre-gara che poi non ci ha fatto chiudere occhio durante la notte.

A cena con i keniani
A cena con i keniani
Keniani a cena
Il post cena: vai con lo shooting!!!

La sveglia è suonata alle 7, ma in realtà sia io che Giulia eravamo sveglie già da un pezzo con le farfalle nello stomaco. Dopo una rapida colazione a base di thè e fette biscottate con la marmellata e dopo aver deliberato che era meglio correre in corto (il sole quando faceva capolino tra le nuvole era davvero caldo) le #cityrunners erano pronte sulla griglia di partenza. O meglio, mentre Giulia aspettava lo sparo io sono stata accompagnata (addirittura con il furgone dei pompieri!!!) circa al decimo chilometro per correre la seconda metà della gara in una staffetta speciale.

Selfie in ascensore
#cityrunners selfie

Oltre alla nostra staffetta ne era prevista anche un’altra di beneficienza composta da 21 concorrenti che dovevano correre però soltanto un chilometro a testa con l’obiettivo di raccogliere fondi per l’organizzazione “Medici dell’Alto Adige per il Mondo”.

Io, Danilo e Giulia
Io, Danilo e Giulia
#cityrunners alla partenza
#cityrunners alla partenza

E da lì mi si è aperto un mondo fatto di salite impossibili (fino al 30%) e discese ripide, mucche e cavalli liberi, ciclisti e famiglie che facevano trekking sul nostro stesso percorso, prati fioriti, ruscelli, ponticelli, e poi quel senso di totale libertà che placa qualsiasi segno di stanchezza. D’altra parte correre al cospetto del Sasso Piatto e del Sasso Lungo e sotto lo sguardo del Massiccio dello Sciliar, non è cosa da tutti i giorni.

E poi, ancora, la solidarità di chi ti supera, si gira e ti dice di non mollare, di chi ti incita e ti applaude dal bordo del percorso facendoti sentire importante anche se non ti conosce. Ecco, lo sport è questo e non c’è distanza o dislivello che ti faccia paura. Senza poi parlare di quando tagli il traguardo e ti senti, per un attimo, invincibile anche se non salirai mai sul podio. Non c’è che dire, più che stancarmi la corsa mi fortifica ed è tutto tremendamente bello.

A 50 metri dal traguardo
A 50 metri dal traguardo
La finish line
La finish line

E la felicità è aumentata quando all’arrivo ho ritrovato Giulia (ancora tutta intera!) e ho scoperto che Danilo era arrivato 3° assoluto con il tempo di 1:23’33’’ (ma non doveva essere solo un allenamento, Dani????) e abbiamo festeggiato tutti con canederli, salsiccette, strudel di mele e cioccolata con panna, alla faccia del recovery meal!

Io, Danilo e Giulia all'arrivo
Io, Danilo e Giulia all’arrivo
Il podio "vero"
Il podio “vero”
Il podio "falso"
Il podio “falso”
#cityrunners e Danilo Goffi
Una squadra fortissimi

Scendere dall’Alpe di Siusi e tornare in città non è stato facile, ma d’altraparte noi siamo #cityrunners che possono trasformarsi in stambecchi sì, ma solo per un giorno!

Un grazie speciale va innanzitutto ad Adidas per l’opportunità che ci ha dato facendoci sentire delle principesse in scarpe da ginnastica, a Giulia, impavida #cityrunners con cui spero di aver iniziato una bella amicizia, e a Danilo, il campione sempre sorridente dall’infinita carriera sportiva e dalla semplicità immensa, da cui tutti noi aspiranti runner dovremmo prendere esempio.